“Percorsi francesi a Firenze” alla Camerata dei Poeti 16 maggio 2024

Rubrica a cura di Roberto Mosi - “Leggere la poesia di Mario Luzi a Monte Senario, a voce spiegata”

15-maggio-incontro

Roberto Mosi – Contributo per Incontro Camerata giovedì 16 maggio

“Rassegna di eventi”

Rubrica a cura di Roberto Mosi

Percorsi francesi a Firenze al tempo di Napoleone

La Francia è oggi di attualità, per l’anno delle Olimpiadi a Parigi, per la partenza del Giro di Francia dalla nostra città, ed altro. Proponiamo di seguire percorsi “francesi” dall’alto, dalla terrazza del palazzo Bonaparte in piazza Ognissanti, che oggi ospita l’Hotel Excelsior. Il palazzo fu la dimora negli anni ’30 dell’Ottocento, di Carolina Murat, la sorella minore di Napoleone: affacciandosi dalla terrazza, vediamo nella piazza il palazzo che ospita L’Istituto Francese, il più antico istituto culturale nel mondo, e l’antica chiesa di Ognissanti dove Carolina è sepolta in una cappella, prossima a quella di Sandro Botticelli, restaurata di recente per rendere onore a lei che dal 1808 fu regina del Regno di Napoli, impegnata nel mondo della Cultura: Napoli, grazie a lei, è fra le prime città a rappresentare “Le nozze di Figaro” di Mozart. Dalla stessa terrazza, guardando verso l’Oltrarno, scorgiamo la grande mole di Palazzo Pitti, dove regnò dal 1809 la granduchessa d’Etruria Elisa Baciocchi, la sorella maggiore. È nota la sua passione per il teatro, anche come interprete di opere classiche: la possiamo immaginare mentre in abiti antichi interpreta nell’anfiteatro di Boboli, la “Fedra” di Racine: Je le vis, je rougit, je palis a sa vue/ Un trouble s’éleva dans mon ame éperdue/. Volgiamo lo sguardo verso Monte Morello, nella parte in basso si innalza la collina di Montughi e la Villa Fabbricotti, dove morì fra atroci sofferenze nel 1825, a soli 44 anni, Paolina Borghese, la sorella più famosa, consegnata al mondo dei miti dalla scultura di Antonio Canova come Venere vincitrice. Ricordiamo di lei la sua passione per la poesia del Petrarca, condivisa con il suo primo amante, Freron, famoso a Marsiglia e a Tolone come instancabile tagliatore di teste nel periodo più aspro della Rivoluzione francese. La nostra ricerca di percorsi francesi non può che terminare osservando dalla terrazza, al di là dell’Arno, la massiccia mole della Porta di San Frediano, da dove entrò (nella sua unica visita a Firenze) il 30 giugno del 1796 il giovane generale Napoleone Bonaparte, accompagnato da un drappello di guardie, comandante delle forze francesi in Italia, destinato ad un futuro di gloria. È immediato rivolgere il pensiero a Beethoven: 3°. Sinfonia (»Eroica «).

Sentieri poetici

Leggere a Monte Senario la poesia di Luzi “Vanno ai monti i monti”

Siamo saliti a Monte Senario per leggere ad alta voce davanti al panorama che si apre da questa vetta, la poesia di Mario Luzi “Vanno ai monti i monti” (da “Sotto specie umana”, 1999): Vanno ai monti i monti/ da soli o con le nubi/ sulla cresta o ai fianchi, / si uniscono, si salgono sulla groppa, / si celano l’un l’altro, / si confondono/ terra in cielo/ …/. Poco prima della vetta abbiamo percorso il sentiero di Andrea. Nei boschi del Convento di Monte Senario (Vaglia) fu inaugurato un percorso didattico – naturalistico dedicato ad Andrea Zampiero scomparso prematuramente a 39 anni in un incidente stradale nell’estate del 2012. Andrea era un operaio forestale in forza al Servizio Foreste della Provincia, è proprio in questi boschi, che amava molto, aveva cominciato a lavorare ad appena 18 anni. Il tracciato, della lunghezza di 1.250 metri e un dislivello di 40 metri, parte dal Piazzale della Croce e attraversa le aree boscate e i prati nei dintorni del Convento e grazie a 10 tappe debitamente segnalate fa conoscere all’escursionista importanti aspetti storico – naturalistici di questi suggestivi luoghi. Lungo il percorso poi sono state installate alcune panchine e delle tabelle attraverso le quali poter riconoscere 20 specie vegetali tra arbusti e alberi.

copertina

retrocopertina-del-libro3

Tags: , , , ,

Un Commento

  1. robertomosi ha scritto questo commento il 17 maggio 2024

    Roberto Mosi – Contributo per Incontro Camerata giovedì 16 maggio

    “Rassegna di eventi”

    Rubrica a cura di Roberto Mosi

    Percorsi francesi a Firenze al tempo di Napoleone

    La Francia è oggi di attualità, per l’anno delle Olimpiadi a Parigi, per la partenza del Giro di Francia dalla nostra città, ed altro. Proponiamo di seguire percorsi “francesi” dall’alto, dalla terrazza del palazzo Bonaparte in piazza Ognissanti, che oggi ospita l’Hotel Excelsior. Il palazzo fu la dimora negli anni ’30 dell’Ottocento, di Carolina Murat, la sorella minore di Napoleone: affacciandosi dalla terrazza, vediamo nella piazza il palazzo che ospita L’Istituto Francese, il più antico istituto culturale nel mondo, e l’antica chiesa di Ognissanti dove Carolina è sepolta in una cappella, prossima a quella di Sandro Botticelli, restaurata di recente per rendere onore a lei che dal 1808 fu regina del Regno di Napoli, impegnata nel mondo della Cultura: Napoli, grazie a lei, è fra le prime città a rappresentare “Le nozze di Figaro” di Mozart. Dalla stessa terrazza, guardando verso l’Oltrarno, scorgiamo la grande mole di Palazzo Pitti, dove regnò dal 1809 la granduchessa d’Etruria Elisa Baciocchi, la sorella maggiore. È nota la sua passione per il teatro, anche come interprete di opere classiche: la possiamo immaginare mentre in abiti antichi interpreta nell’anfiteatro di Boboli, la “Fedra” di Racine: Je le vis, je rougit, je palis a sa vue/ Un trouble s’éleva dans mon ame éperdue/. Volgiamo lo sguardo verso Monte Morello, nella parte in basso si innalza la collina di Montughi e la Villa Fabbricotti, dove morì fra atroci sofferenze nel 1825, a soli 44 anni, Paolina Borghese, la sorella più famosa, consegnata al mondo dei miti dalla scultura di Antonio Canova come Venere vincitrice.

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo Email non sarà pubblicato. * Campi richiesti.

*
*

Le parole della poesia

Feed RSS

Iscriviti ai FEED RSS, sarai sempre aggiornato ...

Contatti

Scrivimi
Puoi scrivermi attraverso la pagina dei contatti oppure invia un E-mail a r.mosi@tin.it