23 novembre presentazione “Eratoterapia”

Sala Gonfalone, Palazzo del Pegaso, via Cavour 4, Firenze

invito-jpeg-last

=====

Roberto Mosi, “Eratoterapia”, Giuliano Ladofi Editore 2017

“ La lirica introduttiva ci dà già lo stile tipico dell’autore: un dialogo rapido in cui emerge un dato referenziale: il mestiere del poeta è indubbiamente uno dei più difficili, difficoltà che sembrano aumentare se si tratta di un nonno poeta.

La caduta degli ideali (Il canto) ci pone di fronte a una società rapidamente mutata, se in meglio o in peggio lo dirà la Storia: oggi si sente necessità di questa poesia oggettiva e di rilevante precisione semantica, che contiene valori irrinunciabili se non si vuole tornare ai secoli bui. La forza espressiva di Mosi poeta sta nell’assenza di ambiguità o doppi sensi, anche dove le metafore – che ci sono – non dimostrano il punto di origine. È la forma a divergere da una pletora di scrittura che sembra aver preso piede nelle nuove generazioni di poeti o presunti tali senza poi tradursi, come nei testi di Mosi, nel verso che brilla di rara luce (p. 26).

Ma la oggettività deve rapportarsi alla trama del linguaggio e affrontare un tempo impietoso che non concede acconti. Pare quasi che la natura sia portatrice di decadimento e di morte e che nulla sia possibile salvare: forse il mito o la speranza (L’anello). In queste poesie sta il germe di un mondo migliore: può darsi si tratti solo di utopia, e tuttavia conviene crederci.”

locandina-jpeg-last-001

Tags: , , , ,

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo Email non sarà pubblicato. * Campi richiesti.

*
*

Le parole della poesia

Feed RSS

Iscriviti ai FEED RSS, sarai sempre aggiornato ...

Contatti

Scrivimi
Puoi scrivermi attraverso la pagina dei contatti oppure invia un E-mail a r.mosi@tin.it