Le due mostre fiorentine di R. Mosi, “MitoMosi” e “Nonluoghi”

Ricerca poetica tra fotografia e poesia.

La Mostra “MitoMosi” aperta alla Biblioteca del Palagio di Parte Guelfa stabilisce una chiara relazione fra la poesia e la fotografia. Per il primo versante, il rapporto è con le poesie di Mosi, dal libro “Luoghi del mito”, Ed. Lieto Colle; per l’altro lato, con la ricerca legata alla domanda: “Si può parlare del mito con la fotografia?”. Nella Sala dei Consoli della Biblioteca, l’esposizione di venti fotografie in bianco e nero rivelano il senso di questa ricerca, attenta a cogliere ad ogni scatto l’ “aura” che circonda ogni personaggio mitico, come riporta Il Giornale dell’Arte del 1° luglio. Nell’incontro inaugurale, alcuni utenti della Biblioteca hanno letto poesie dalla Raccolta “Luoghi del mito” e hanno portato un libro, un oggetto che per loro aveva i caratteri del mito.
hpim1782

Uno dei momenti centrali dell’incontro, è stata la presentazione da parte dell’autore di una vetrinetta appoggiata ad una parete della Sala dei Consoli: in bella mostra vi erano - insieme alla macchinetta digitale H P, protagonista degli scatti – alcuni dei libri “classici” sul tema del mito, dal Ramo d’oro di Frazer, all’Iliade, al Macbeth, all’Ulisse, all’Oro del Reno di Wagner, a Gomorra di Saviano, con giustapposti sopra, secondo un calcolato disordine, studi per le fotografie e per le poesie, che da queste “fonti primarie” hanno preso vita.

hpim1774
Che dire? Prima la foto e poi la poesia? O viceversa? Domande, forse, inutili. Il fatto è, come è stato ribadito in questo incontro di presentazione della Mostra, che frammenti del mito – al di là degli strumenti espressivivi utilizzati - fanno parte del nostro essere, danno sapore alla nostra ricerca sul senso della nostra vita e sulla materia di cui sono fatti i nostri sogni.

hpim1769

Si è inaugurato il giorno successivo presso l’Hotel Boutique Cellai di Firenze, nelle eleganti sale Art Deco, la Mostra di R. Mosi “Nonluoghi”, un viaggio fotografico per i luoghi frequentati in maniera anonima da persone che non s’incontrano, non comunicano fra loro (stazioni, mercati, aeroporti … ).
hpim1768

Con le fotografie esposte alla mostra si cercano possibili tratti di identità, di soggettività di questi luoghi: la stessa operazione tentata dall’autore con la Raccolta di poesia “Nonluoghi” (2009), pubblicata anche come eBook www.laRecherche.it. Anche in questo caso, dunque, è come se il visitatore fosse chiamato ad attraversare il ponte gettato tra la fotografia e la poesia.
——-
Riferimenti:
- Mostra “MitoMosi”, “Si può parlare del mito con la fotografia?” Viaggio fotografico di Roberto Mosi. Sala dei Consoli, Biblioteca del Palagio di Parte Guelfa. Firenze. Aperta dal 30 giugno al 23 luglio.
- Mostra “Nonluoghi” di Roberto Mosi. Hotel Boutique Cellai, via 27 Aprile 14, Firenze. Aperta dal 1° al 31 luglio.

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo Email non sarà pubblicato. * Campi richiesti.

*
*

Le parole della poesia

Feed RSS

Iscriviti ai FEED RSS, sarai sempre aggiornato ...

Contatti

Scrivimi
Puoi scrivermi attraverso la pagina dei contatti oppure invia un E-mail a r.mosi@tin.it